©Copyright | 2022

 

 

Tutti i diritti riservati

1bc12c83-7f67-40d9-8389-0e70feb9bbf0.jpeg

Parrocchia Ortodossa San Giovanni Battista - Olbia 

Parroco Marian Gaina

b6d475b2-3612-4a23-ba83-81d1ed26cf59.jpeg

LA COSTRUZIONE DELLA PRIMA CHIESA ORTODOSSA ROMENA DELL'ISOLA SARDEGNA 

Il primo Patrono della Chiesa  

 25 Maggio 

" Terzo rivenimento dell Sacro capo di San Giovanni Battista"

095751c8-99a7-4a94-9938-62b8ad131343.jpeg
 

«La memoria del Giusto è celebrata con inni di lode, ma aver testimoniato il Signore è sufficiente per te, o Precursore: tu hai mostrato di essere veramente venerabile fra i profeti, da quando hai accettato di battezzare nel fiume Colui che da essi era stato annunciato, e poiché hai sofferto per la verità ricolmo di letizia; hai annunciato agli abitanti dell'Ade la buona novella, che Dio è apparso in veste umana, rimettendo i peccati del mondo e condonandoci grande misericordia»

 

Il secondo Patrono della Chiesa  

 15 Ianuarie ​​

Sant'Efisio protettore della Sardegna (+286)

sf efisie.jpeg

Secondo la tradizione, Sant'Efisio nacque a Elìa Capitolina, una colonia romana nel seno di Gerusalemme, attorno al 250 d.C. Rimasto orfano del padre Cristoforo, di religione cristiana, fu educato al paganesimo dalla madre Alessandra, di origine aristocratica. Alessandra introdusse il figlio alla corte di Antiochia, presso l'imperatore Diocleziano, il quale lo prese sotto la sua protezione. Efisio si arruolò fra i Pretoriani, diventò ufficiale e fu inviato in Italia per partecipare alla campagna di annientamento dei Cristiani, considerati nemici dello Stato e della legge romana. Qui il giovane ufficiale visse un episodio che cambiò il corso della sua vita: mentre era in marcia verso Napoli (o Brindisi) alla testa del suo reparto, venne disarcionato da un bagliore improvviso. Quindi una voce gli disse: "Sono il Cristo, colui che tu perseguiti". E sul palmo della sua mano destra si impresse una croce.

 

In seguito a questo evento prodigioso Efisio decise di convertirsi alla fede cristiana e si fece battezzare a Gaeta. Quindi venne trasferito in Sardegna per contrastare gli Iliesi, le popolazioni ribelli dell'interno: prima prese servizio a Tharros, quindi presso il comando militare di Nora. Nonostante gli editti anticristiani emanati da Diocleziano, Efisio cominciò a diffondere pubblicamente il Vangelo e radunò attorno a sé un gruppo di seguaci. Non solo: scrisse all'imperatore e lo esortò ad abbandonare i falsi dei e a convertirsi alla nuova religione. Per questo motivo venne convocato a Cagliari presso il governatore Iulio, il quale gli intimò di tornare nei ranghi.​

Efisio rifiutò decisamente di abiurare la fede cristiana, atto che obbligò il governatore ad arrestarlo e imprigionarlo in una cella ricavata da una caverna, nel luogo in cui oggi sorge la chiesa a lui dedicata a Stampace. Qui venne flagellato, bastonato, scarnificato e bruciato con tizzoni ardenti. Tuttavia, né le torture, né la madre Alessandra fatta intervenire dalla corte imperiale, riuscirono a farlo recedere.

 

Il nuovo governatore Flaviano ordinò che Efisio fosse bruciato vivo quale esempio per tutti i Cristiani, ma le fiamme del rogo si riversarono sugli stessi carnefici. Allora Flaviano dispose la decapitazione per spada, da eseguirsi lontano dalla città per timore di insurrezioni a difesa del martire. La condanna fu eseguita sulla spiaggia di Nora il 15 gennaio del 286 (o, secondo altre fonti, nel 303).

​​

Si tramanda che prima dell'esecuzione Efisio abbia formulato questa preghiera:
"Ti prego, Signore, di proteggere la città di Cagliari dall'invasione dei nemici. Fa che il suo popolo abbandoni il culto degli Dei, respinga gli inganni del Demonio e riconosca Te, Gesù Cristo Nostro Signore, quale unico vero Dio. Fa che i malati che pregheranno sul luogo della mia sepoltura possano recuperare la salute, e chiunque si trovi in pericolo nel mare o minacciato dagli invasori, tormentato dalla fame o dalla peste, dopo aver invocato me, Tuo servo, possa essere condotto in salvo."

LA MITROPOLIA ORTODOSSA DELL'EUROPA OCCIDENTALE E MERIDIONALE​

DIOCESI ORTODOSSA ROMANA D'ITALIA

SUA ECCELLENZA REVERENDISSIMA MONSIGNOR SILUAN 

VESCOVO DELLA DIOCESI ORTODOSSA ROMENA D'ITALIA

preasfintitul_siluan_episcop_al_episcopiei_ortodoxe_romane_a_italiei.jpeg

Nato il 5 marzo 1970 a Gura Raului (nome civile: Ciprian Nicolae Span), contea di Sibiu (Transilvania, Romania), è il quarto dei 6 figli del sacerdote Gheorghe Span e della sacerdotessa Emilia Span. studiato

•1988 - Si diploma presso la Scuola Superiore di Matematica e Fisica “Gheorghe Lazar” di Sibiu;

•1989 - 1993 - Facoltà di Teologia "Andrei Saguna" di Sibiu;

•1994 - 1998 - Dottorato presso l'Istituto di Teologia Ortodossa "Saint-Serge" di Parigi.

SERVIZIO PASTORALE - LITURGICO

• 21 gennaio 1994 - è ordinato diacono a nome della Cappella della Facoltà di Teologia di Sibiu;

• 6 marzo 1994 - è ordinato sacerdote celibe a nome della Cappella della Facoltà di Teologia di Sibiu dal Metropolita Seraphim della Chiesa Metropolitana Ortodossa Romena del Centro e Nord Europa, allora Vescovo Vicario dell'Arcidiocesi di Sibiu;

• 1994 - 2001 - servito come sacerdote ministeriale e sacerdote del Convento della Madre di Dio "Copertura della Madre di Dio" a Bussy-en-Othe, Yonne, Francia;

SUA ECCELLENZA REVERENDISSIMA ATANASIE 

 ​VESCOVO  VICARIO DELLA DIOCESI ORTODOSSA

ROMENA D'ITALIA

foto_oficiala_ps_atanasie_de_bogdania-1.jpeg

Nato il 17 gennaio 1982 a Chisinau (nome civile: Tudor Rusnac), Repubblica di Moldova, primo dei due figli di Eugen e Ala Rusnac. FORMAZIONE ED ESPERIENZA PROFESSIONALE 2000

Si diploma presso la Royal High School di Chisinau (RM) con il profilo di Matematica-Fisica. Ha partecipato ampiamente ai Concorsi Repubblicani, Nazionali e Internazionali di Fisica e Matematica;

2000 - 2005 - INSA Lyon (Institut National des Sciences Appliqués de Lyon - Francia). Consegue il titolo di Ingegnere con una Laurea Magistrale, Specialità - Telecomunicazioni e Reti;

2002 - Ottiene il Certificato di Studi Europei presso INSA Lyon;

07/2004 - 01/2005 - Stage di specializzazione informatica (Sistema MT - Lione, Francia);

2005 - 2008 - Lavora nel campo informatico presso BNP PARIBAS Bank ("Groupe Arbitrage", Borsa di Parigi); 2006 - 2010 - Facoltà di Teologia Ortodossa "Saint-Serge" di Parigi. Ha conseguito la Laurea in Teologia Pastorale nel 2010; 2010 - 2012 - Master in Teologia Pratica (Diritto Canonico), Facoltà di Teologia “Andrei Șaguna” - Sibiu. Tesi di Laurea Magistrale - "Principi di teologia canonica nella diaspora, con particolare riferimento all'Italia".

REVERENDISSIMO PADRE  MARIAN GAINA

PARROCO DELLA  CHIESA ORTODOSSA ROMENA DI OLBIA 

SARDEGNA - ITALIA

 
img-3623 copia.jpeg

Il sacerdote Marian Gaina è nato a Odobești, nella contea di Vrancia, l'8 dicembre 1987.

Ha frequentato le classi della scuola primaria I-VIII nella sua città natale.

 

Guidato dal suo amore per Dio e per il prossimo e sostenuto dalla speciale Fede dei Padri, il giovane mariano decide di frequentare i Corsi della Scuola dei Cantori di Chiesa all'interno del Seminario Teologico "Chesarie Episcopul" di Buzău, diplomandosi nel 2005.

 

Dall'estate dello stesso anno frequenta i corsi del Liceo, e durante questo periodo Psalt è impiegato per un lungo periodo.

 

Nel periodo 2008-2012 ha studiato presso la Facoltà di Teologia Pastorale di Constanța, proseguendo i Corsi Master presso l'Università del Basso Danubio a Galați, laureandosi nel 2014.

schermata 2022-02-20 alle 17.19.11
schermata 2022-02-20 alle 17.19.11 copia
schermata 2022-02-20 alle 17.19.11 copia 2
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder